Corretta Digestione

Bocconi di quotidianità di difficile assimilazione

Le mie foto
Nome:
Località: Italy

sabato, maggio 06, 2006

I "moderati"

Rifacendomi al precedente post, nella trasmissione di Matrix i filo-vaticano sostenevano che la chiesa "mai ha ostacolato o censurato la diffusione del libro di dan brown" e che questa "è la caratteristica che ci differenzia da altre religioni dove la reazione a simili opere è ben più violenta". Ecco, manco a dirlo, notizia di oggi (ma questa è solo una delle tante dichiarazioni che si possono trovare, compresi gli articoli di "messa all'indice" apparsi sull' avvenire):

CODICE DA VINCI: VATICANO ESORTA CATTOLICI, DENUNCIATE

"Esistono mezzi legali per ottenere che alcuni rispettino i diritti di altri. Questo e' uno dei diritti umani fondamentali: devono rispettarci, rispettare il nostro credo religioso e devono rispettare il nostro fondatore, Gesu' Cristo". Il cardinale Francis Arinze, prefetto della Congregazione per il Culto divino e i sacramenti, esorta i cattolici a ricorrere ai tribunali dei vari paesi per bloccare l'uscita del film di Ron Howard tratto da "Il Codice da Vinci", il discusso best-seller di Dan Brown che mette alla berlina la fede cristiana. "I cristiani - spiega il porporato - non possono restare con le braccia incrociate e dire: 'dobbiamo perdonare e dimenticare'. Non saro' io a dire a tutti i Cristiani quello che devono fare, ma ci sono i mezzi legali per reagire".

fonte: Repubblica